Suffragio dei morti del CLASMELunedì 26 dicembre 2012, a Pordenone, presso la chiesa della Santissima – ove ogni domenica e festa di precetto la locale sezione di Una Voce cura la messa secondo l’antico rito da numerosissimi anni – il Collegio Liturgico dell’Apparizione di San Marco Evangelista ha suffragato i suoi morti, parenti amici e benefattori con il canto del vespero dei defunti al quale ha fatto seguito la messa cantata con l’assoluzione al tumulo. I sacri riti sono stati officiati dal sacerdote del clero dell’arcidiocesi metropolitana di Gorizia don Michele Tomasin, parroco di Mariano del Friuli. Durante il sacro rito, segnatamente alla comunione, è stata eseguita anche la sequenza dei defunti trascritta dai sodali Massimo Bisson e Francesco Tolloi da un codice afferente l’antico rito aquilejese custodito presso al biblioteca del Seminario Teologico di Gorizia (sotto è possibile visionarla e scaricarla in formato stampabile).

Vespero dei defunti, al MagnificatAi piedi dell'altareIntroitoCanoneAssoluzioneCum sit omnis> Scarica il pieghevole stampabile della sequenza in formato *pdf.

Comments are closed.