G. Kieffer, L'Avvento, trad. it. di Francesco TolloiDa: G. KIEFFER, Précis de Liturgie Sacrée , traduzione dal tedesco di R. Guillame, Tournai, Éditions Casterman, 1937, pp. 295-296, traduzione italiana di Francesco Tolloi.

Presentiamo in traduzione italiana questo capitolo mutuato dall’opera di monsignor Kieffer, docente del Seminario Maggiore del Lussemburgo, tratta dal suo manuale di sacra liturgia ove, con grande precisione e sintesi,  l’Autore delinea le peculiarità liturgiche caratteristiche del tempo dell’Avvento che apre l’intero ciclo dell’anno liturgico. Il lettore terrà conto, vista la data dell’Opera  che ivi non sono considerate le riforme introdotte negli anni Cinquanta-Sessanta quali l’abolizione del rito “semidoppio” e la nuova classificazione dei giorni liturgici e l’abolizione delle pianete piegate.

1.

L'avvento ha principio con la quarta domenica  che precede il Natale, ovverosia la domenica che coincide con la festa di sant’Andrea o la più prossima ad essa. L’avvento comprende quattro domeniche la cui prima è di Ia classe, le altre di 2° classe. Le ferie dell’avvento sono feriæ majores e sono commemorate sia all’ufficio che alla messa; per contro non si fa memoria delle vigilie all’ufficio. Il tempo d’avvento ha un carattere di penitenza attenuato. È per questo che i paramenti sono di colore violaceo, l’organo tace agli uffici de ea,  la chiesa, l’altare e il coro sono ornati con semplicità, i paramenti dei ministri devono, anche agli uffici delle Quarant’ore1 , essere rimpiazzati dalla casula plicata.

Pianeta piegata pavonazza.Solo a terza domenica si permette l’uso dell’organo, il colore rosaceo e l’utilizzo della dalmatica con una decorazione più ricca della chiesa. Quando la vigilia di Natale cede le quarta domenica d’avvento, il diacono ed il suddiacono indossano la dalmatica e la tunicella violacee2.

Parato di terzo inglese.

2. Agli uffici propri del tempo, i (due) inni, i (due) versetti e responsororio sono sempre gli stessi; il capitolo delle lodi (Veníte) e quello dei vesperi (Non auferétur) sono, in tutti i giorni feriali, come la feria II dopo la prima domenica d’avvento; il capitolo di prima è sempre Dómine, miserére3

Il 17 dicembre, iniziano ai vespri le antifone dette antifone O, che si recitano integralmente avanti e dopo il Magníficat; gli stessi giorni hanno anche delle antifone proprie alle lodi e alle ore, antifone che sono distribuite sui diversi giorni della settimana. Si aggiunga che il 21 e il 23 dicembre hanno un’antifona propria al Benedíctus (Nolíte timéreEcce compléta); è analogo il caso del sabato che precede il Natale in cui si recita l’antifona Expectétur4.

3. Si celebra come messa feriale, quando non c’è una messa propria,  come ai quattro tempi, ad essere prescritta, la messa della domenica precendente: senza GlóriaCredo, senza Allelúja né versetti dopo il graduale e con prefazione comune […].

4. La vigilia di Natale è vigilia privilegiata e non cede il posto ad alcuna festa. L’ufficio è di rito feriale a mattutino; a far principio dalle lodi c’è il rito doppio. La messa è senza GlóriaCredo, con una sola orazione e la prefazione comune. Alla messa solenne si può utilizzare la dalmatica violacea5 ma  l’altare non viene adornato.

Oggi, nelle chiese con obbligo di coro, l’ebdomadario canta solennemente il martirologio in stola e piviale violacei6 con i ceri e l’incensazione7.

Quando la vigilia di Natale cade la quarta domenica d’avvento, l’ufficio è in parte quello della IVa domenica, in parte quello della viglia, secondo le indicazioni del breviario. La messa è quella della vigilia con commemorazione della domenica, Credo8 e prefazione della Trinità, senza vangelo della domenica alla fine.

Come la viglia non ha primi vesperi, i vesperi del sabato, quando non c’è una festa occorrente, sono de Sab., a cap. Dom.9

scarica l'articolo

  1. decr. n. 3161 []
  2. Cær. Episc.. II, 13. []
  3. Brev. Rom,. hoc loco. []
  4. Brev. Rom. []
  5. Cær. Episc., II, 14, 1. []
  6. decr. n. 2573 []
  7. decr. n. 2684 []
  8. decr. n. 2572 ad 16 []
  9. del sabato precedente la domenica, n.d.t. []

Comments are closed.