FRANCESCO TOLLOI, La messa pontificale, caratteri e peculiarità. (continua – fine)

MESSA PONTIFICALE DEI PRELATI NON VESCOVI.

   Tra i prelati non vescovi ve ne sono alcuni che possono celebrare in forma pontificale. In diversi interventi della sede apostolica si ravvisano diversi provvedimenti che pongono dei limiti, senza dubbio mirati a far sì che il loro status sia distinto da quello dei vescovi e dei cardinali in particolare nell’ornato e nelle limitazioni derivanti dal poter pontificare solo in precise e ristrette occasioni, si ravvisa altresì una tendenza ad ottenere una certa uniformità visto che evidentemente si erano radicate diverse e variegate costumanze locali giustificate da consuetudine o privilegio. I prelati che celebrano in forma pontificale sono gli abati (secolari e regolari) i protonotari apostolici de numero partecipantium, i protonotari apostolici soprannumerari e quelli ad instar partecipatium. Altri prelati come i protonotari onorari (o anche superiori di ordini religiosi94, es. i ministri provinciali francescani) usano alcune distinzioni peculiari (es. l’uso del canon missae e della bugia) durante le sacre funzioni.

   Tra gli abati che celebrano pontificalmente ci sono quelli regolari95 (ovvero che presiedono a qualche monastero ed hanno quindi su di esso una giurisdizione spirituale), quelli che presiedono a qualche insigne chiesa soggetta alla santa sede detti secolari, gli abati nullius (che hanno giurisdizione su clero e fedeli di un determinato territorio). Alcune chiese parrocchiali insigni furono in passato dichiarate abbazie ad honorem dai sommi pontefici e perciò, durante munere, i loro parroci officiano pontificalmente96. Il Caeremoniale episcoporum non fa menzione espressa dei pontificali dei prelati privi del carattere episcopale, per risalire pertanto alle caratteristiche sarà necessario attingere ai decreti e alle opinioni degli autori.

   I pontificali degli abati si svolgono al trono. Il trono però è eretto, sempre dal lato del vangelo, su due gradini e non può – anche nella propria chiesa – essere fisso ma deve essere collocato solo in occasione delle celebrazioni pontificali97, all’altare non è mai collocato il settimo candeliere, prerogativa esclusiva dell’ordinarius loci solo ed esclusivamente durante i soli pontificali al trono. Le normative principali sono contenute in un decreto seicentesco emanato durante il pontificato di papa Alessandro VII “Circa usum pontificalium praelatis episcopo inferioribus”98.

   Richiamiamo le principali differenze rispetto la messa pontificale di un vescovo: anzitutto l’abate non è accolto da tutto il clero alla porta della chiesa ma solo da due chierici e dal cerimoniere, sempre all’ingresso, non asperge clero e fedeli ma – toccando l’acqua dall’aspersorio a lui porto dal più degno dei sacerdoti – segna sé stesso, non incede attraverso la navata benedicendo e, quando, avendone l’uso, indossa la cappa questa non è sostenuta dal chierico caudatario salvo non goda di un particolare indulto apostolico. L’abate si para al trono e non nel secretarium. Non benedice coloro i quali provvedono alla abluzione delle sue mani, né il prete assistente né il diacono quando riceve l’incensazione. La sua mitria è aurifregiata (salvo particolari concessioni della sede apostolica), al pastorale è sospeso un velo di stoffa bianco99a voler segnare la sua giurisdizione limitata e distinguerlo da un prelato con carattere episcopale. Sei sacerdoti del suo clero siedono su due panche predisposte in presbiterio indossando due il piviale, due la pianeta e due la dalmatica. Il prelato durante la messa dice Dóminus vobíscum e non Pax vobis prima della colletta, non concede indulgenze, non benedice il predicatore e neppure il diacono che lo incensa o coloro i quali ministrano alla lavanda delle mani, dà la benedizione triplice come i vescovi.

   I pontificali dei protonotari apostolici sono normati da un motu proprio di papa san Pio X100 che stabilì le classi in numero di quattro: de numero partecipantium, soprannumerari, ad instar partecipantium e onorari, limitando le funzioni pontificali nel corso dell’anno liturgico e rimettendole al placet dell’ordinario del luogo. Detto provvedimento pose fine – almeno in massima parte – a quelle numerose costumanze locali spesso legate ai capitoli. I protonotari de numero, fuori dall’Urbe, celebrano pontificalmente al faldistorio, come gli abati vengono accolti alle porte della chiesa, rivestiti del rocchetto e della mantelletta, dal cerimoniere e da due chierici101. Durante la messa possono alternare due mitrie: quella aurifregiata e quella semplice di lino102, possono essere assistiti, eccetto che in presenza di un vescovo, dal presbyter assistens, la lavanda delle mani avviene solo dopo l’offertorio come per tutti i sacerdoti, benedicono come fanno normalmente i sacerdoti ma cantando la formula. Tengono lo zucchetto solo quando incedono nella navata della chiesa reggendo la berretta nera col fiocco rubino e quando il capo è coperto dalla mitria; lo zucchetto è nero con le cuciture di colore rubino. Le chiroteche sono in  seta senza ricami, sono solamente orlate d’oro, l’ornato è simile per i calzari e per i sandali.  La messa si svolge con le modalità descritte per la messa pontificale al faldistorio eccetto per le particolarità che abbiamo sinteticamente descritto.

Mons. S. Fain (prot. ap. arciprete di Grado) durante una messa pontificale.

  Del tutto analoghi i pontificali dei protonotari soprannumerari nei confini delle diocesi di appartenenza103eccezion fatta per la mitria: invece della aurifregiata, usata come si è visto dai protonotari de numero, fanno uso di una mitria particolare di seta bianca e bordata d’oro con le frange sottostanti le infule di color rosso; essa può essere alternata alla mitria semplice di lino. Fuori dal territorio diocesano essi pontificano al modo dei protonotari ad instar partecipantium. Secondo Nabuco104 – riguardo le modalità di celebrare i pontificali per questa classe di protonotari – nella seconda metà dell’Ottocento venne a instaurarsi una novità nel costume liturgico: tale classe di protonotari non pontifica infatti al faldistorio ma siede allo scanno al modo dei sacerdoti105. L’ornato delle insegne è costituito da un galloncino di colore giallo, la loro mitria non è alternata nella celebrazione: essa è damascata con le frange delle infule di colore rosso. Si tratta sostanzialmente di una messa solenne sacerdotale con l’uso delle insegne (nella quale non si fa uso del gremiale) e con la possibilità di partecipazione del sacerdote assistente (eccetto nelle cattedrali e in presenza del vescovo).

CONCLUSIONE.

   Ogni cerimonia descritta, così come ogni uso, gesto e insegna peculiare che abbiamo illustrato o menzionato, sarebbe meritevole di approfondite analisi a tutto tondo che non tralascino i diversi aspetti che le riguardano e caratterizzano, da quelli storici a quelli che concernono il significato teologico ed ecclesiologico. Un’analisi così impostata, ovviamente, tracimerebbe dai limiti e dalla struttura di questo scritto inteso – fino dai dichiarati intenti iniziali e dal titolo stesso – a compendiare caratteri e peculiarità della messa celebrata nella ‘forma pontificale’ (o meglio nelle ‘forme pontificali’).

   Osservare la cerimonialità legata alle messe pontificali senza dubbio ci permette di cogliere un tratto essenziale della liturgia ovvero l’aspetto ecclesiologico di manifestazione dell’ordine gerarchico della Chiesa orientato – in una prospettiva del tutto verticale – verso il culto dell’Altissimo. Muovendoci sempre da questa osservazione ci è dato di comprendere di come questo scopo ultimo si traduca in un linguaggio – alle volte piuttosto complesso e composito –  di segni, gesti e simboli volti a esplicitare la finalità ultima.

   La centralità della cattedra quale segno di giurisdizione e quindi il suo uso o il suo non uso, l’uso delle insegne, i ruoli precisi della gerarchia nel compimento del rito, visti e considerati in questa ottica, cessano di essere fraintesi e relegati a un ruolo ornamentale e marginale ma assumono un’importanza centrale di manifestare  e significare la Chiesa militante ordinata e orientata al culto, un culto che ha il suo riferimento e suo alto esempio  in quello celeste. È in questa prospettiva che sicuramente la puntuale e meticolosa esecuzione delle cerimonie assume la sua dimensione più vera, così come l’esatta e scrupolosa osservanza delle norme mondata da creazioni personalistiche – che abbiamo auspicato in premessa – finisce con l’essere una traduzione esteriore di una comprensione più profonda, consapevole ed autentica.

   La liturgia pontificale va compresa, infine, nella sua esemplarità: essa non è l’ipertrofizzazione e l’amplificazione in termini di magnificenza di una liturgia più “semplice” ma il movimento e il processo di formazione avviengono esattamente in direzione contraria: dalla messa papale deriva l’ “adattamento” a spazi e ambiti della cattedrale diocesana e questa irradia il suo esempio plasmando e modellando la liturgia presbiterale. Addentrarsi e capire la liturgia pontificale sicuramente fornisce chiavi di lettura e suggerisce indirizzi di ricerca che possono portare a interessanti conclusioni. Certamente – pur muovendosi con questi presupposti – non si ha la pretesa di esaurire argomenti così complessi.

   In questo scritto, inoltre, ci siamo limitati alla sola celebrazione della messa: sarebbe necessario un lavoro di lettura intrecciata in particolare del Caeremoniale episcoporum e del Pontificale Romanum per iniziare a comprendere l’immagine di una società volta alla santificazione del tempo, degli spazi e delle cose degli uomini in una dimensione di tensione verticale tipica di quella che è la ‘cristianità’ intesa nella sua accezione più piena, ampia e completa.

Torna indietro.

 

Scarica l'intero articolo in formato stampabile (PDF).

  1. Celebre il privilegio dei pontificali del custode francescano di Terra Santa. []
  2. Spesso ci sono diversificazioni che caratterizzano i loro pontificali specie in seno alle diverse congregazioni benedettine, abati godenti di privilegi pontificali sono riscontrabili anche in altri ordini ad esempio i cistercensi e i premostratensi che però utilizzano una liturgia propria differente dalla romana, cfr. A. KING, Liturgies of Religious Orders, London-New York-Toronto, Longmans, 1955. []
  3. Delle cerimonie di questi trattò ampiamente – nell’occasione della concessione del titolo di abbazia ad honorem alla parrocchiale di Piove di Sacco (diocesi di Padova) all’epoca del sommo pontificato di Leone XIII – il sacerdote F. GIACOMELLO, Cerimoniale per le funzioni degli abbati mitrati, Padova, Antoniana, 1901, il quale attinge a piene mani a P. MARTINUCCI, Manuale … cit., in particolare dal libro VIII (1879). []
  4. Si noterà in questa proibizione di un trono fisso ancora una volta l’importanza attribuita alla cathedra del vescovo diocesano; all’inizio del Novecento si assiste a un mitigarsi del rigore della disciplina in questa fattispecie. A tale proposito SACRA CONGREGAZIONE DEI RITI, Decreto 3 febbraio 1907 in «Acta Sanctae Sedis», Romae, Libreria Editrice Vaticana, 41 (1908), p. 344. Il trono può anche essere fisso e poggiare su tre gradini ma deve essere tolto l’ornamento al di fuori delle funzioni pontificali. Il contenuto del decreto citato viene assunto e ripreso nella legislazione canonica del 1917 (cfr. canoni 325 e 625 Codex Iuris Canonici 1917). Sulla questione: I. NABUCO, Ius Pontificalium…, cit., pp. 277-278. []
  5. SACRA CONGREGAZIONE DEI RITI, Decreto 27 settembre 1659 n. 1131, in Decreta Authentica …,  cit., I, p. 232 e ss.. I. NABUCO, Ius Pontificalium,cit p. 80,  lamenta la mancanza di normativa successiva e ne formula gli auspici per una revisione, L. GROMIER, Commentaire, cit. p. 136  ci ricorda che “ Les abbés n’ont pas d’autre statut que le décret les regardant, promulgué par Alexandre VII en 1659. […] Quoi qu’en disent certains, du reste sans preuve, il n’est nullement périmé, nullement contredit ni infirmé par le Codex Juris Canonici.”. Probabilmente dietro questi “certains” è da intendersi anche il Nabuco che tradisce una visione piuttosto restrittiva dei privilegi pontificali abbaziali. []
  6. F. GIACOMELLO, Cerimoniale … cit., p. 10 fornisce le misure di questo velo sempre bianco anche quando la funzione preveda un altro colore liturgico; esso ha una larghezza di10 centimetri per una lunghezza di 20. []
  7. PIO X, Motu proprio Inter multiplices curas, 21 febbraio 1905, in «Acta Sanctae Sedis», Romae, Libreria Editrice Vaticana, 37 (1904-5), pp. 491-512. []
  8. Sui pontificali dei protonotari apostolici delle diverse classi, a tenore del motu proprio “Inter moltiplices”, vedi G.B.M. MENGHINI, Ritus in Pontificalibus celebrandis a Protonotariis Apostolicis servandus, in «Ephemerides Liturgicae», Romae, Desclée, XXIII (1908), pp. 111-118; 259-266; 365-378; 483-485  e anche B. FAVRIN, Praxis…, cit. pp. 113-139. []
  9. Sostanzialmente nei momenti in cui il vescovo adopera quella preziosa mettono l’aurifregiata e quando il vescovo mette quest’ultima usano la semplice. []
  10. Fanno eccezione i canonici delle tre basiliche patriarcali vaticana, lateranense e liberiana che sono per l’appunto protonotari apostolici soprannumerari: costoro, non potendo pontificare nei territori dell’Urbe fruiscono del privilegio ovunque fuori di questa. []
  11. L’innovazione del “pontificale allo scanno” si ebbe durante il pontificato  del beato Pio IX : PIO IX, Costituzione Apostolica Apostolicae Sedis Officium, 29 agosto 1872, in «Sanctae Sedis», Romae, Poliglotta Vaticana, 7 (1892-93), 1905, pp. 91-100., cfr  I. NABUCO, Ius Pontificalium, cit. pp. 326 e s.. Sulla evoluzione della normativa si veda ancora Idem, pp. 73-79. []
  12. Specificatamente dedicato ai protonotari ad instar partecipantium: R. ADDA, Il cerimoniale del protonotario apostolico ad instar partecipantium, Vicenza, San Giuseppe, 1932. []

Comments are closed.